DIARIO DI GUERRA

Giovedý 20 maggio 1999
Giu' sulla terra

Ciao a tutti!
Ieri, poco prima della sua breve visita in Serbia, il mediatore russo
Victor Chernomirdin ha detto che sarebbe venuto a Belgrado per portare avanti i negoziati di pace nonostante il suo governo fosse informato che la Nato avrebbe bombardato diversi punti della citta' in serata. Poco dopo che il suo aereo e' ripartito per la Russia, si sono sentite diverse esplosioni provenienti dalla direzione di Belgrado. Io ho visto una intensa attivita' della difesa antiaerea e persino l'orribile volo dei missili Cruise.
Esplosioni di tutti i tipi si sono protratte per ore e per la prima volta ho persino visto quello che penso fosse la partenza di un missile da un aereo... Tra i risultati degli attacchi della scorsa notte c'e' stato un altro "errore" di un missile Nato che ha mancato il suo bersaglio e ha colpito un ospedale nel quartiere di Topcider!... L'esplosione ha danneggiato il reparto di terapia intensiva del centro neurologico uccidendo tre pazienti e ferendone molti insieme al personale paramedico...
In una delle corsie un'operazione era in corso quando il missile ha colpito l'edificio. Lenzuola insanguinate ed equipaggiamento medico distrutto erano dappertutto mentre l'evacuazione urgente dell'ospedale era in corso... un dramma.
In tutti gli ospedali della Serbia i pazienti in condizioni non serie sono stati mandati alle loro case, il che vuol dire che quelli rimasti negli ospedali hanno effettivamente bisogno di cure mediche... Questa notte - poche ore fa - la Nato ha colpito un deposito di carburante a Belgrado.
Dopo l'esplosione i vetri si sono infranti nella vicina residenza ufficiale dell'Ambasciata svedese dove era in corso un meeting in onore della festa d'indipendenza di quel paese. Uno degli ospiti ufficiali era l'Ambasciatore svedese. Ironicamente e' stata l'ambasciata svedese ad essere danneggiata ieri, durante il bombardamento dell'ospedale di Topcider.
Oggi ho parlato ad un amico dei piloti che sono mandati a bombardare il nostro paese... Deve essere davvero un duro lavoro... Scommetto che ogni paese visto dall'alto sembra bellissimo, e i piloti devono sganciare le bombe sulle citta' e le persone che sono in basso, e rischiare le loro vite per delle ragioni che per loro sono astratte... In altre parole sono anch'essi vittime di questa guerra, proprio come quelle piccole persone giu' sulla terra.
Ci vediamo,
Sasa

TORNA ALL'INDICE DEL DIARIO